dal 1995 punto di riferimento per i professionisti del sociale
  non chiederti cosa può fare per te questo sito, chiediti cosa puoi fare tu per questo sito!

   perché...  gli assistenti sociali dall'emoticon facile! :-)


banner-001
Formazione Fare la tesi tesi: prima tappa
sideBar
Mercoledì, 23 Febbraio 2011 23:00

tesi: prima tappa

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

equilibrio1di Ombretta Okely

 

Perché?

Pensare ad una tesi, soprattutto la PROPRIA tesi, significa pensare a un argomento, scegliere delle ipotesi di ricerca, prevedere tempi, modi, una raccolta di informazioni, un relatore e un contratto possibile... una dimensione organizzativa che è molto presente e struttura la fase di progettazione iniziale.

D'altra parte ognuno si confronta a vari livelli con interessi, risorse e vincoli che appartengono al mondo esterno ma che sono aspetti non secondari dell'esperienza e quindi dell'identità professionale e personale.

Una confusione iniziale, una sorta di disorientamento sono dati quasi fisiologici dell'inizio del lavoro di analisi e ricerca che è il percorso di tesi, peraltro spesso attraversato da momenti di fatica o di cortocircuito.

Qualche nota metodologica e delle indicazioni generali possono forse essere strumento di lavoro per chi si accinge a "scrivere" o, meglio, a pensare la propria tesi.

"Tesi" e' una proposizione che richiede di essere dimostrata.

Una scrittura argomentativa su un tema attinente ad una delle discipline studiate con la costruzione di una dimostrazione che si presenta alla discussione per il conseguimento della laurea.

Il termine deriva dal verbo greco posare (atto di porre) e poi dal latino (proposizione in retorica).

E' utile richiamare significati contigui utili alla comprensione più articolata e di definizione di base del senso della tesi.

In campo matematico, la tesi è parte dell'enunciato di un teorema che contiene un'affermazione che si vuol provare in base ad un'ipotesi: per la stesura di una tesi rimanda alla necessità di partire da ipotesi che vanno pensate e progettate in fase iniziale.

In filosofia il termine tesi presuppone un'antitesi, spesso in situazioni di dialogo tra una persona che afferma qualcosa e l'altra che confuta la sua opinione: L'antinomia tra tesi-antitesi è stata superata da Kant, con la sintesi dialettica. Da lì in avanti la tesi diventa una forma tipica del pensiero che si pone per poi contrapporsi o modularsi dialetticamente.

In sintesi Tesi è l'azione di "porre" e stabilire una posizione e delle asserzioni, di carattere filosofico... scientifico o attinente questioni culturali che si enunciano e discutono per dimostrarne la validità contro altre contrarie o diverse.

Si enuncia qualcosa di cui si è convinti, lo si articola con pensieri e dimostrazioni di varia natura, da bibliografia a interviste a ricerche... VA TUTTO BENE purché rientri nella logica di base di un tema da dimostrare davanti a persone che potranno confutare l'argomentazione o la scelta di dimostrazione effettuata.

Note tecniche

  • La tesi è un argomento che va dimostrato attraverso la costruzione di un percorso con delle tappe che definiscono aree ed obiettivi della ricerca.
  • Rischio di "fuori tema " se enunciazioni e pensieri sono dichiarazioni di verità o affermazioni di ideologie o ideali... invece di argomentazioni tematiche su ricerca o interrogativi.
    Esempio: "Il territorio: una nuova frontiera?" --> non basta affermare che territorio è "bello" o "brutto", va modulato un processo di pensiero e di argomenti (teorici, dall'esperienza, da testimonianze eccetera) che sostenga ciò che si è scelto di dimostrare.
  • una tesi in Servizio Sociale (o educativa, sanitaria...) deve tener conto del campo di studio: i temi e gli argomenti sono in area sociale o ragionano su riflessi teorici oppure operativi pertinenti all'area sociale.
  • L'argomento deve avere riscontro e interesse nell'ambito del Servizio sociale e presentare dei nessi logici e culturali riconoscibili... analogamente ogni tesi va collegata al campo di studio pertinente.
Letto 3824 volte Ultima modifica il Lunedì, 14 Marzo 2011 01:16

Aggiungi commento

Sono consentiti commenti ai non registrati, ma prima di venire pubblicati saranno vagliati dalla redazione.
E' richiesto l'inserimento di un indirizzo e-mail (che non viene pubblicato).
La responsabilità di quanto inserito nei commenti è degli autori degli stessi.


Codice di sicurezza
Aggiorna